DEC. SOCRATE 30 X 30

220px-socrates_louvre SOCRATE

“Siate felici, agite nella felicità, sentitevi felici, senza alcuna ragione particolare.”


La personalità di Socrate fu tanto forte che la sua vita e la sua parola sono state paragonate a quella di Cristo o di Budda. Egli nacque ad Atene attorno al 470 e morì nel 399 a.C. allontanandosi da essa solo per motivi militari: era ritenuto un ottimo guerriero. Socrate non partecipò alla vita politica: la sua vocazione era la filosofia. Ma egli intese la ricerca filosofica come un esame incessante di se stessi e degli altri, per questo compito tralasciò ogni attività pratica. Era brutto (kalocagatos), assomigliava ad un Sileno e viveva in semplicità con la moglie Santippe e i figli. Il suo aspetto fisico entrava in contrasto con l’ideale ellenistico dell’anima saggia in un corpo bello e armonioso; altro fatto strano fu che Socrate, pur dedicando tutta la vita alla filosofia, non scrisse nulla. Egli non scrisse nulla poiché pensava che la ricerca filosofica non potesse essere portata avanti o continuata dopo di lui da uno scritto; Per lui nessuno scritto può suscitare e dirigere il filosofare o stimolare la ricerca, ma solamente comunicare una dottrina.